Distruzione di atti (in ente pubblico): la privacy non può costituire “esimente”

0
624

Prendo spunto dall’articolo 490 del c.p. La vicenda è complessa e riguarda un ente territo. In tale contestore. Distruzione poi effettivamente eseguita. Alcuni imputati hanno eccepito di cui all’art. 490 c.p., evincibile, a loro dire, dalla disciplina in tema di privacy. Nel caso in esame, nell’inserzione di lavoro pubblicata era stato la richiesta avanzata dalla…

Questo contenuto è riservato ai soli Base
Richiedi l’iscrizione gratuita al Portale (già registrati)
Already a member? Accedi
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...