Da rideterminare la sanzione per l’ente se manca l’iter logico per la sua quantificazione

Con la recente sentenza della Corte di Cassazione penale, gli Ermellini hanno affrontato, tra l’altro, il tema dei requisiti della sentenza che determina la sanzione amministrativa per l’ente ai sensi del D.Lgs. 231/2001 in conseguenza di un reato presupposto. In particolare, risulta fondata la censura di vizio di motivazione in ordine alla determinazione della sanzione…

Questo contenuto è riservato ai soli SOCI SOSTENITORI
Accedi Diventa Socio Sostenitore
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...