L’utilizzazione probatoria della fonte anonima è una nullità patologica

Nella sentenza in commento viene in risalto la circostanza dell’utilizzo di una fonte anonima come fonte probatorio e non come semplice elemento di attivazione per le indagini. Tale circostanza integra un’ipotesi di nullità patologia e, come tale, rilevabile anche nel giudizio abbreviato. Come affermato dalle Sezioni unite della Cassazione, il giudizio abbreviato costituisce un procedimento…

Questo contenuto è riservato ai soli SOCI SOSTENITORI
Accedi Diventa Socio Sostenitore
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...