Sequestro profitto da reato 231 alla persona giuridica se è beneficiaria della condotta illecita

La Corte di Cassazione è stata chiamata a decidere su un ricorso presentato dall’amministratore di una società cui era stato operato un sequestro di somme sebbene la condotta ipotizzata aveva generato un profitto che era rimasto nella disponibilità dell’ente. In particolare, nel ricorso si sostiene che il Tribunale, pur qualificando il sequestro eseguito come diretto…

Questo contenuto è riservato ai soli SOCI SOSTENITORI
Accedi Diventa Socio Sostenitore
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...