Coronavirus: Garante Privacy, no a iniziative “fai da te” nella raccolta dei dati

0
123

Dal sitolo ” Coronavirus: Garante Privacy, no a iniziative “fai da te” nella raccolta dei dati “.

Soggetti pubblici e privati devono attenersi alle indicazioni del Ministero della salute e delle istituzioni competenti

L’Ufficio sta ricevendo numerosi quesiti da parte di soggetti pubblici e privati in meritomi influenzali, e vicende relative alla sfera privata.

Al riguardo, si segnala che la normativa d’urgenza adottata nelle ultime settimane prevede che chiunque negli ultimi 14 gg abbia soggiornato fiduciario.

I datore e dei suoi contatti più stretti o comunque rientranti nella sfera extra lavorativa.

La finalità di prevenzione dalla diffusione del Coronavirus deve infatti essere svolta da soggetti che istituzionalmente esercitano queste funzioni in modo qualificato.

L’accertamento delle regole di sanità pubblica recentemente adottate.

Resta fermo l’obbligo del lavoratori più esposti.

Nel caso in cui, nel corso dell’attività lavorativa, il dipendente che svolge mansioni a contattori sanitari interpellati.

Le auto delle disposizioni d’urgenza adottate.

Pertantori che non siano normativamente previste o disposte dagli organi competenti.

Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...