Nel reato di favoreggiamento personale non è necessaria la dimostrazione dell’effettivo vantaggio

Nel reato di favoreggiamento personale non è necessaria la dimostrazione dell’effettivo vantaggio conseguito dal soggetto favorito, ma occorre comunque la prova della oggettiva idoneità della condotta favoreggiatrice ad intralciare il corso della giustizia. Questo il principio contenuto nella Sentenza scaricabile, con cui la Suprema Corte ha rigettato il ricorso avverso la sentenza della Corte di…

Questo contenuto è riservato ai soli Soci Sostenitori e Soci SolidarietaDigitale
Accedi Diventa Socio Sostenitore
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...