Non è perito fonico l’ interprete che riconosce la voce nelle intercettazioni

Nella sentenza in commento e scaricabile gli Ermellini, rigettando il ricorso, definiscono il ruolo dell’ interprete – trascrittore nelle intercettazioni telefoniche, chiarendo che non è perito fonico colui che si limita a riconoscere la voce dell’indagato. Con ordinanza il Tribunale di Napoli rigettava l’istanza di riesame proposta nell’interesse del ricorrente, avverso l’ordinanza emessa dal giudice…

Questo contenuto è riservato ai soli Base, Soci Sostenitori, e Soci SolidarietaDigitale
La procedura è la seguente:
Fase 1: Accedi, se sei già iscritto o Registrati
Fase 2: Richiesta di iscrizione gratuita al Portale
Accedi (già registrati)
Registrati
Richiedi l’iscrizione gratuita al Portale (già registrati)
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...