Post diffamatolarità del profilo

0
184

Nella sentenza scaricabile, gli Ermellini, rigettando il ricorso, toria, di una password per accedervi. La Corte d’appello di Trieste ha confermato sul proprio profilo Facebook espressioni offensive della reputazione della vittima. Contro la sentenza suddetta ha proposto, lamentando: che le espressioni in questione erano state attribuite all’imputatore delle stesse; l’errata individuazione del destinatario delle offese,…

Questo contenuto è riservato ai soli Base
La procedura è la seguente:
Fase 1: Accedi, se sei già iscritto o Registrati
Fase 2: Richiesta di iscrizione gratuita al Portale
Accedi (già registrati)
Registrati
Richiedi l’iscrizione gratuita al Portale (già registrati)
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...