Data breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre strutture

0
157

Data breach sanitari, il Garante privacy sanziona tre strutture, poichè avevano comunicato informazioni sulla salute alle persone sbagliate

Dal sito del Garante per la protezione dei dati personali, Roma 19 febbraio 2021.

Le strutture devono porre in essere tutte le misure tecniche e organizzative necessarie per evitare data breach, ovvero che i dati dei loro pazienti siano comunicati per errore ad altre persone.

Lo ha ricordato il Garante privacy nel sanzionare due ospedali e una Asl per le violazioni di dati personali causati non da attacchi informatici esterni, ma da procedure inadeguate e da semplici errori materiali del personale.

Un ospedale to, una relazione medica contenente le informazioni sulla salute e la vita sessuale di un’altra coppia.

Anche un ospedale dell’Emilia-Romagna ha ricevuto a dei pazienti cartelle cliniche contenenti dati e referti riferibili ad altre persone, incluso un minore.

In entrambi i casi le sanzioni sono state calcolate tenendo conto grado di cooperazione con il Garante privacy e che gli episodi sono risultati isolati e non volontari.

Le due strutture hanno anche pianificato ulteriori misure tecniche e organizzative per ridurre al minimo l’errore umano.
Un terzo caso di data breach riguarda invece una Asl dell’Emilia-Romagna, dove una paziente aveva esplicitamente richiesto di salute.

Il modulo, però, era stato il data breach .

Si è impegnata quindi ad implementare un sistema informatizzato danni da parte della paziente, dovrà pagare una sanzione di 50.000 euro per la violazione del Gdpr.
Alla luce di questi episodi e di altri ancora in corso di valutazione, il Garante privacy ha ricordato giuridico o su indicazione della persona interessata, previa delega scritta.

E ha invitato dei principi di correttezza e trasparenza, adottando misure tecniche e organizzative utili non solo a proteggersi da attacchi informatici, ma anche a evitare violazioni di dati personali, in particolare quelli più delicati, come quelli sulla salute – troppo spesso causate da inadeguate procedure gestionali.

 

 

 

 

Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...