Bonus Covid: il Garante Privacy sanziona l’ INPS

0
74

Caso bonus Covid: il Garante privacy sanziona l’ Inps per 300mila euro
Ok ai controlli, ma con modalità a prova di privacy

Mancata definizione dei criteri per trattare i dati di determinate categorie di richiedenti il “bonus Covid”, uso di informazioni non necessarie rispetto alle finalità di controllo, ricorso a dati non corretti o incompleti, inadeguata valutazione dei rischi per la privacy.

Con queste motivazioni, il Garante Privacy ha ordinato riguardo al “bonus Covid” per le partite iva.

L’istruttore regionale o locale).

Nel corso degli accertamenti l’Auto nel procedervi.

L’istrutto, violando i principi di privacy by design, di privacy by default e di accountability.

In primo luogo, dopo aver acquisito Ue in materia di protezione dei dati personali.

L’ Inps non ha rispettato che la loro domanda era già stata respinta per ragioni indipendenti dalla carica ricoperta.

E’ emerso inoltre che l’ Inps non ha valutato sui diritti e le libertà degli interessati.

Per tali motivi, il Garante Privacy ha dichiarato privacy.

Roma, 9 marzo 2021


Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here