Il reciproco scambio di messaggi ingiuriosi non esclude la molestia

Nella sentenza della Suprema Corte di Cassazione in rassegna, si afferma il principio che ai fini dell’integrazione del reato di cui all’art. 660 c.p. (molestie) è necessaria un’effettiva e significativa intrusione nell’altrui sfera personale che assurga al rango di ” molestia o disturbo ” ingenerato dall’attività di comunicazione in sé considerata e a prescindere dal…

Questo contenuto è riservato ai soli Base, Soci Sostenitori, e Soci SolidarietaDigitale
La procedura è la seguente:
Fase 1: Accedi, se sei già iscritto o Registrati
Fase 2: Richiesta di iscrizione gratuita al Portale
Accedi (già registrati)
Registrati
Richiedi l’iscrizione gratuita al Portale (già registrati)
Segui e condividi i nostri contenuti anche sui social network...